International Tribunal on Evictions » Sessions » TID 2018 Session on Brazil » Al Foro Sociale Mondiale, il Tribunale Internazionale degli Sfratti denuncia casi di violazione del diritto alla casa

Al Foro Sociale Mondiale, il Tribunale Internazionale degli Sfratti denuncia casi di violazione del diritto alla casa

Evento popolare partecipa alle attività del Foro Sociale Mondiale e denuncia gli episodi di sfratto forzato

Il Foro Sociale Mondiale 2018 (FSM) si svolge quest'anno a Salvador, in Brasile, dal 13 al 17 marzo, con il motto "Resistere è creare. Resistere è trasformare", con l'obiettivo di discutere e rendere possibili le alternative al neoliberalismo e alle sue varie aggressioni, attraverso lo scambio di conoscenze, le discussioni, i dibattiti e i workshop che mettono insieme la diversità delle lotte in campo sociale. Come parte della programmazione del FSM, e seguendo la stessa logica di resistenza, quest'anno il Tribunale Internacional Internazionale degli Sfratti  (TID, sigla in portoghese) concentra le sue attività nei giorni 13 e 14 marzo presso la Facoltà di Architettura dell'Università Federale di Bahia (UFBA).

Il Tribunale Internazionale degli Sfratti è stato concepito nel FSM 2011, ed è un evento popolare ed etico di opinione che mira a esporre, discutere e promuovere soluzioni agli sfratti forzati che avvengono in tutto il mondo. Il Tribunale opera con la partecipazione di movimenti, organizzazioni ed entità della società civile, a partire dalla denuncia di casi di sfratto o minacce di sgombero che sono selezionati per essere sottoposti al giudizio di giurati nazionali e internazionali, riconosciuti per il loro impegno sulla questione del diritto alla casa nell’ambito legale e sociale, oltre che di una giuria popolare composta da rappresentanti di movimenti e organizzazioni popolari. Successivamente, i giurati devono dare suggerimenti e raccomandazioni su ciascuno dei casi analizzati, allo scopo di fornire ai movimenti uno strumento per la pressione e il monitoraggio delle soluzioni da parte del potere pubblico.

“Il Tribunale è stata creato per essere uno strumento della Campagna Sfratti Zero, di giustizia e solidarietà globale con le lotte locali. L'obiettivo principale è analizzare casi di violazione dei diritti e, alla fine, fornire prove di tali violazioni e raccomandazioni ai settori responsabili e ai movimenti popolari, in modo che possano richiedere soluzioni e monitorare ", spiega Cesare Ottolini, coordinatore mondiale dell'Alleanza Internazionale degli Abitanti e co-fondatore del Tribunale Internazionale degli Sfratti. In Brasile, oltre 40 casi di sfratto, avvenuti negli ultimi 2 anni, sono stati registrati da movimenti popolari e sociali per la Sessione Brasile del Tribunale .

"Il Foro Sociale Mondiale è un momento di convergenza. Realizzare il Tribunale Internazionale degli Sfratti in questo spazio è della massima importanza, poiché consente di denunciare i casi di violazione del diritto alla casa in Brasile da parte di un'ampia rete di entità, movimenti popolari e organizzazioni di diversi paesi del mondo", afferma Bartíria Lima da Costa, presidentessa della Confederazione nazionale dei residenti (CONAM), membro della Alleanza Internazionale degli Abitanti  e membro del Comitato Nazionale Organizzativo  TID.

In questa settima edizione saranno presentati cinque casi brasiliani davanti il Tribunale Internazionale degli Sfratti . Tutti rappresentano comunità vittime di violenza in relazione al territorio in cui vivono. Come rappresentante della regione del Nord-Est, la comunità quilombola dell'isola di Mercês, nel comune di Ipojuca, nel Pernambuco, porta il suo caso di rimozione forzata da un territorio ancestrale, con distruzione del patrimonio culturale, per lasciare spazio alle opere infrastrutturali del governo dello stato. Più di 2.000 persone hanno perso la casa e più della metà di loro sono donne e bambini. A Manaus, nel nord del Brasile, più di 3.000 famiglie nella comunità di Cidade das Luzes hanno subito gravi violazioni dei loro diritti fondamentali durante una violenta reintegrazione della proprietà che ha provocato la morte di due giovani e un bambino e lo sfratto di circa 12.000 persone nel 2016.

Per il Sud-Est, saranno discusse due situazioni: la comunità di pescatori e il vazanteira ??? deflusso di Canabrava, nel Minas Gerais, che rivendica la propria territorio di residenza sulle rive del fiume São Francisco; e a São Bernardo do Campo, a San Paolo, l'occupazione Popolo senza Paura , con oltre 8 mila famiglie, in lotta contro la reintegrazione della proprietà nella terra in cui vivono. Un caso più generale, che si verifica in diversi stati, sarà inoltre dibattuto nel Tribunale e si riferisce alla pratica della persecuzione, in nome dell'igiene sociale, delle persone che vivono per strada.

"Quello che vediamo oggi in Brasile è una grande negligenza del governo, in tutte le sue sfere, rispetto a questa questione urgente. Questa negligenza si traduce principalmente nella mancanza di applicazione delle leggi esistenti, come lo Statuto delle città, la legge sulla Funzione Sociale della Proprietà e la Regolamentazione dei suoli, lasciando milioni di persone senza casa e senza accesso al diritto umano ad alloggi adeguati " afferma Bartíria.

"La sfida principale che dobbiamo affrontare è la mancanza di dati e informazioni su comunità e famiglie in situazioni di sfratto", spiega Ronaldo Coelho, consulente legale e di incidenza politica di Habitat for Humanity Brazil , un'organizzazione che fa parte del Comitato Organizzatore Nazionale TID e che sta facendo dal 2016 una mappatura delle comunità a rischio di sfratto nello stato di Pernambuco. L'obiettivo è fornire dati concreti per concentrarsi sulle autorità pubbliche affinché intervengano per mediare ed evitare conflitti territoriali urbani. "Oggi sappiamo che il problema esiste, ma non è evidenziato attraverso informazioni concrete poiché gli stessi poteri pubblici non hanno un database relativo a queste situazioni", conclude.

GIURATI

Dopo aver ascoltato e discusso i fatti presentati, il gruppo dei giurati produrrà un verdetto basato sui diritti umani che non sono stati rispettati, in una relazione chesarà ampiamente diffusa con l’obbiettivo di fare pressione sui governi affinché adottino misure per difendere le famiglie e le comunità sotto sfratto. Sette rappresentanti di vari settori comporranno la giuria. Sono Nívia Moraes, procuratrice generale del Ministero pubblico del Minas Gerais; Ângela Gordilho, professoressa del post-laurea in architettura all'UFBA; Cesare Ottolini, attivista italiano per il diritto alla casa, coordinatore mondiale dell'Alleanza Internazionale degli Abitanti  e co-fondatore del Tribunale Internazionale degli Sfratti; Charlene Egídio, coordinatrice e residente dell'occupazione Rosa Leão, del Minas Gerais; Lúcia Moraes, professoressa di architettura al PUC-Goiás e Università Evangelica di Anápolis-Goiás; Luiza Veloso, difensora pubblica dello Stato di São Paulo; e Rob Robinson, coordinatore della Canada-United States Alliance of Inhabitants.

Comments

Log in or create a user account to comment.